Middle
East
Mediterranean

MEM

Summer Summit
Lugano, Svizzera

Il Seminario

20 - 28 Agosto 2020

Il Forum

29 - 30 August 2020

L'idea

La regione del Medio Oriente Mediterraneo è caratterizzata da tensioni politiche, interessi contrastanti, rovine, sfide climatiche e migrazioni forzate. Tuttavia è anche un importante laboratorio di identità plurali e di nuovi modelli di cittadinanza, che ambisce a una convivenza pacifica.

Il MEM Summer Summit è strutturato in due momenti un Seminario (pagina in inglese) e un Forum, rispettivamente di due e otto giorni. Il Summit è stato ideato come uno scambio interpersonale e intellettuale al di là dei confini, delle culture e delle lingue. Aspira a creare amicizie, rafforzare network e idee.

Questo Summit è uno spazio protetto di dialogo per i giovani change-maker, affinché possano delineare, a partire dal presente, una visione per il loro futuro comune. Provenienti da istituzioni pubbliche e private, organizzazioni non governative, imprese sociali, media, dal mondo dell’arte e della cultura, analizzano e sviluppano nuovi approcci per affrontare problemi persistenti.

Il Forum

Il Forum è il culmine del MEM Summer Summit. L’evento, che si articola su due giorni, riunisce personalità eminenti dell’imprenditoria, decisori politici, accademici e intellettuali, che dibattono sulle grandi questioni e sfide legate alla regione: dalle configurazioni geopolitiche alle dinamiche dei flussi migratori e ai mutamenti climatici.

Ai giovani change-maker è offerta la straordinaria opportunità di partecipare attivamente ai panel condividendo le loro riflessioni e presentando le loro proposte a rappresentanti di alto livello.

Il programma prevede sette panel in cui vengono analizzati e dibattuti temi cruciali per una migliore comprensione della regione del Medio Oriente Mediterraneo.

Il Programma 2019

Bettina Müller
MC and presenter, Journalist RSI Radiotelevisione svizzera

Myassa Djebara
MEM Young Change-Maker 2018 and Co-presenter

Hatim El Otmani
MEM Young Change-Maker 2018 and Co-presenter

Sabato 24 agosto

Boas Erez
Rector, Università della Svizzera italiana, Switzerland

Marco Borradori
Mayor, Lugano, Switzerland

Manuele Bertoli
State Councilor, Republic and Canton of Ticino, Switzerland

Marina Carobbio Guscetti
President of the National Council, Switzerland

Cultural heritage – in its material, immaterial and natural dimensions – plays a vital role for social and economic development. The Middle East Mediterranean region is home to an extraordinarily rich heritage (over 50 sites are inscribed on the UNESCO World Heritage List), a valuable instrument for dialogue between different cultures, traditions, and identities. The challenge now being faced consists in turning it into something that can be shared and enjoyed responsibly and sustainably by everyone of us, and in safeguarding it from conflicts, climate change, and mass tourism. Tourism is affected by continuous ups and downs in a region whose remarkably rich and heterogeneous culture naturally attracts substantial tourist flows. Political instability and security issues have led to a slump in tourism in some countries of the region, to the detriment not only of the economy, but also of the condition of the cultural sites themselves.
Speakers presented the programmes and interventions of UNESCO, as well as the initiatives undertaken by the European Union in support of the idea of a shared heritage, such as “cultural routes” and sustainable and responsible tourism.

Lazare Eloundou Assomo
Director, Culture and Emergencies, UNESCO, France

Yves Ubelmann
President and Co-founder, Iconem, France

Stefano Dominioni
Executive Secretary, Council of Europe Enlarged Partial Agreement on Cultural Routes (EPA); Director of the European Institute of Cultural Routes, Luxembourg

Suzy Hatough
Director, Middle East Travel and Tourism Development Network, Middle East University, Jordan

Eduardo Santander
Executive Director, European Travel Commission ETC, Belgium

Hanaa Said S. Mcdady
Young change-maker

Lorenzo Cantoni
Moderator – Prorector and Professor, UNESCO Chair, Università della Svizzera italiana, Switzerland

Several historical and structural reasons have been cited for the absence of democracy in the Arab world: external influences; oil; top-down ideologies (Arab nationalism, followed by political Islam); and the dominance of armies. Yet, since 2011, popular mass movements in many countries have tried to get rid of autocracy, as has most recently been the case in Algeria and Sudan. The panel analysed how the four factors mentioned have played out in different countries in the past, and how much they continue to matter in the different States that have aspired or still aspire to achieve democracy. Similarly, panellists assessed both implications and prospects of the rise of a new democratic order, as well as the peculiarities, the variables and constants of the transitional phases in the various countries. The uprisings of 2011 and more recent ones have yielded different results in Tunisia, Algeria, and Egypt. The experts on the panel looked carefully at these results and illustrate them by highlighting local and global dynamics of the whole region.

Ishac Diwan
Professor, PSL – Paris Sciences et Lettres, École normale supérieure, France

Karin Kneissl
Ambassador; Former Minister of Foreign Affairs; Analyst, Austria

El Mouhoub Mouhoud
Professor, University of Paris Dauphine PSL, France

Safwan M. Masri
Executive Vice President for Global Centers and Global Development, Columbia University, USA

Rolla Scolari
Journalist, Italy

Majd Nassaralah
Young change-maker

Lorenzo Cremonesi
Moderator – Journalist and Middle East Correspondent Corriere della Sera, Italy

In this panel, two ministers and some designated spokespersons engaged in a dialogue on global and regional issues that are the focus of public attention and concern, and affect the present and the future of the younger generations.  Involving a plurality of voices and different generations, the young spokespersons discussed their visions of the Middle East Mediterranean region, and presented their proposals to Ignazio Cassis, Head of the Federal Department of Foreign Affairs, and Carmelo Abela, Minister for Foreign Affairs, Malta.

Carmelo Abela
Minister, Ministry for Foreign Affairs and Trade Promotion, Republic of Malta

Ignazio Cassis
Head of the Department of Foreign Affairs of the Swiss Confederation (FDFA), Switzerland

Mostafa Pakdel Majd
Young change-maker

Kamal Akaya
Young change-maker

Asma Mokhtari
Young change-maker

Firas A. Y. Taher
Young change-maker

Berat Kjamili
Young change-maker

Roberto Antonini
Moderator – Journalist, RSI Radiotelevisione svizzera, Switzerland

Tarik M. Yousef
Director, Brookings Doha Center, Qatar; Board Member, Central Bank of Libya, Libya

Gilles Kepel
Moderator – Professor and Scientific Director of the Middle East Mediterranean Freethinking Platform, Università della Svizzera italiana, Switzerland; PLS Paris Sciences et Lettres-École Normale Supérieure, France

Film director Amos Gitaï, in conversation with film historian Olmo Giovannini, discussed the concept of ‘border’ and the thematic and formal questions he has had to tackle during his professional career. The theme of borders lends itself to exploring further questions related to mobility. Sometimes invisible, borders in some areas of the Middle East Mediterranean end up being so physically massive that they are impossible to cross. Does cinema stand for a symbolic space or a symbolic crossing of all borders? This is one questions that were answered by the Israeli film director, who has turned cities, borders, territories, and insuperable limits into key leitmotifs of his cinema.

Amos Gitaï
Filmmaker and Author, Israel

Olmo Giovannini
Film historian, Communication Officer at the Dicastero cultura, sport ed eventi, City of Lugano, Switzerland

Domenica 25 agosto

The health and well-being of populations are significantly influenced by socio-economic, environmental and cultural conditions as well as by inequalities. The so-called “social determinants of health” describe the circumstances in which people are born, grow up, live, work and age, and the systems put in place to deal with illness. Several surveys and studies have shown that these social determinants are closely connected with health conditions, which are generally worse in disadvantaged socioeconomic environments. Inequality is widely recognised as a major obstacle to development. The reduction of inequalities within and among countries is central to the SDGs of the 2030 Agenda. The Middle East Mediterranean region is afflicted by various long-term humanitarian crises, the displacement of population, and gender inequality. The situation in some countries of the Middle East Mediterranean region is so critical that it makes it very hard to guarantee every citizen access to healthcare.  In the refugee camps in Lebanon and Jordan, for instance, there are major mental health problems. This complex topic was debated by experts from the World Health Organisation, politicians, and diplomats.

Pio Wennubst
Vice Director General, Swiss Agency for Development and Cooperation (SDC), Federal Department of Foreign Affairs (FDFA), Switzerland

Benedetto Saraceno
Psychiatrist, Director Department of Mental Health and Substance Abuse of WHO, SG Lisbon Institute for Global Mental Health, Italy and Portugal

Maha El-Adawy
MD and Director, Health Protection and Promotion, WHO Office Regional Office for the Eastern Mediterranean, Egypt

Souad Abderrahim
Mayor of Tunis, Tunisia

Rabih El Chammay
Psychiatrist, Saint Joseph University in Beirut, Lebanon

Hichem Touahria
Young change-maker

Emiliano Albanese
Moderator – Professor, Università della Svizzera italiana; Director, WHO Collaborating Center for Research and Training in Mental Health, University of Geneva, Switzerland

Often, regional co-operation is both the objective and the instrument of projects that involve actors from different countries and different sectors of a region. There have been several success stories, including the CERN SESAME project, launched in Jordan in 2017, which brought together the Palestinian National Authority and Israel, with Cyprus, Egypt, Iran, Jordan, Pakistan, and Turkey. The panel discussed various forms of diplomacy – scientific, cultural, and artistic – used to promote intercultural dialogue. The discussion focused on the Sommet des deux rives, the AtWork project of the Moleskine Foundation, and on the projects supported by the Union for the Mediterranean, a consortium of 43 member states.

Herwig Franz Schopper
Advisor, Experimental Physicist, Former Director General CERN and Founding Father of SESAME, Middle East, Jordan

Elena Korzhenevich
Co-Founder and AtWork Program Director, Moleskine Foundation, Italy

Enrico Granara
Minister Plenipotentiary, Coordinator Euro-Mediterranean Multilateral Activities, Directorate General for Political and Security Affairs, Italian Ministry of Foreign Affairs and International Cooperation MAECI, Italy

Cristian Chiavetta
Environmental Engineer and Industrial Researcher, Italian National Agency for New Technologies, Energy and Sustainable Economic Development ENEA, Italy

Derek Lutterbeck
Deputy Director and Holder of the Swiss Chair, Mediterranean Academy of Diplomatic Studies, University of Malta MEDAC, Malta

Maher S. M. Dudeen
Young change-maker

Rolla Scolari
Moderator – Journalist, Italy

This panel has been designed to bring together the results of the dialogue and comprehensively to express various visions emerging from the participatory and multivoiced work carried out by the young change-makers during the Seminar.

Myassa Djebara
MEM Young change-maker 2018 and Co-presenter

Hatim El Otmani
MEM Young change-maker 2018 and Co-presenter

Mohamed Adnene Ben Hajd Yahia
Young change-maker

Khadija El Alami
Young change-maker

Gibran Kokou Freitas
Young change-maker

Abdalfatah Tallouzi
Young change-maker

Gilles Kepel
Moderator – Professor and Scientific Director of the Middle East Mediterranean Freethinking Platform, Università della Svizzera italiana, Switzerland; PLS Paris Sciences et Lettres-École Normale Supérieure, France

Boas Erez
Moderator – Rector, Università della Svizzera italiana, Switzerland

Boas Erez
Rector, Università della Svizzera italiana, Switzerland

Programma completo del Forum 2019:

MEM_Summer_Summit_2019_Forum_Programme

Relatori e Presentatori 2019

I presentatori

BETTINA MÜLLER

MC e Presentatrice

Giornalista, RSI Radiotelevisione svizzera

MYASSA DJEBARA

Co-presentatrice

MEM Young Change-Maker 2018

HATIM EL OTMANI

Co-presentatore

MEM Young Change-Maker 2018

I relatori

Souad_Abderrahim_2

SOUAD ABDERRAHIM

Sindaca di Tunisi, Tunisia

Abela_Carmelo_2

S.E. CARMELO ABELA

Ministro, Ministero degli Affari Esteri, Repubblica di Malta

EMILIANO_ALBANESE_2

EMILIANO ALBANESE

Professore, Università della Svizzera italiana; Direttore, WHO Collaborating Center for Research and Training in Mental Health, Università di Ginevra, Svizzera

Antonini_Roberto_2

ROBERTO ANTONINI

Giornalista, RSI Radiotelevisione svizzera, Svizzera

MANUELE_BERTOLI_1

MANUELE BERTOLI

Consigliere di Stato della Repubblica e Cantone Ticino, Svizzera

Marco_Borradori_2.jpg

MARCO BORRADORI

Sindaco, Città di Lugano, Svizzera

Lorenzo_Cantoni_2

LORENZO CANTONI

Prorettore e Professore, Cattedra UNESCO, Università della Svizzera italiana, Svizzera

olmo_giovannini_2

OLMO GIOVANNINI

Storico del cinema, Comunicazione preso il Dicastero cultura, sport ed eventi, Città di Lugano, Svizzera

MARINA_CAROBBIO_GUSCETTI​_2

MARINA CAROBBIO GUSCETTI

Presidente, Consiglio nazionale, Svizzera

Ignazio_Cassis_2-1.jpg

S.E. IGNAZIO CASSIS

Capo del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE), Svizzera

Cristian_Chiavetta_2

CRISTIAN CHIAVETTA

Ingegnere Ambientale e Ricercatore, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile ENEA, Italia

Cremonesi_Lorenzo_2

LORENZO CREMONESI

Giornalista, Corrispondente Medio Oriente, Il Corriere della Sera, Italia

ISHAC_DIWAN_2.jpg

ISHAC DIWAN

Professore, PSL – Paris Sciences et Lettres, École normale supérieure, Francia

Dominioni_Stefano

STEFANO DOMINIONI

Segretario Esecutivo, Accordo Parziale Allargato sugli Itinerari culturali, Consiglio d’Europa; Direttore, Istituto Europeo degli Itinerari Culturali, Lussemburgo

RABIH_EL_CHAMMAY_4

RABIH EL CHAMMAY

Psichiatra, Université Saint-Joseph, Libano

El-Adawy_Maha_2

MAHA EL-ADAWY

MD e Direttrice, Divisione Health Protection and Promotion, WHO Office Regional Office for the Eastern Mediterranean, Egitto

Eloundou Assomo_2

LAZARE ELOUNDOU ASSOMO

Direttore, Culture and Emergencies, UNESCO, Francia

Boas_Erez_2.jpg

BOAS EREZ

Rettore, Università della Svizzera italiana, Svizzera

Gitai_Amos_2

AMOS GITAÏ

Regista e sceneggiatore, Israele

Enrico_Granara_2.jpg

ENRICO GRANARA

Ministro plenipotenziario; Coordinatore Attività Multilaterali Euro-Mediterranee, Golfo e Paesi MENA, Direzione Generale per gli Affari Politici e di Sicurezza, Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, MAECI, Italia

Hatough_Susy_2

SUZY HATOUGH

Direttrice, Middle East Travel and Tourism Development Network, Middle East University, Giordania

Nasser_Kamel_2

NASSER KAMEL

Segretario Generale, Unione per il Mediterraneo UPM, Spagna

Kneissl_Karin_2

KARIN KNEISSL

Ambasciatrice; Ex ministro degli Affari Esteri; Analista, Austria

Gilles_Kepel_2

GILLES KEPEL

Professore e Direttore scientifico della Middle East Mediterranean Freethinking Platform, Università della Svizzera italiana, Svizzera; PLS Paris Sciences et Lettres-École Normale Supérieure, Francia

Korzhenevich_Elena_2

ELENA KORZHENEVICH

Co-Fondatrice e direttrice del programma AtWork, Fondazione Moleskine, Italia

Lutterbeck_Derek_2

DEREK LUTTERBECK

Vicedirettore e Titolare della Cattedra Svizzera, l’Accademia Mediterranea di Studi Diplomatici MEDAC, Università di Malta, Malta

Safwan-Masri_2.jpg

SAFWAN M. MASRI

Vicepresidente esecutivo, Global Centers and Global Development, Columbia University, USA

Mouhoub_Mouhoud_2

EL MOUHOUB MOUHOUD

Professore, Università di Parigi Dauphine PSL, Francia

07.03.2018, , ,  -  .   004ITB07032018.JPG.

EDUARDO SANTANDER

Direttore Esecutivo, European Travel Commission ETC, Belgio

Saraceno_Benedetto_2

BENEDETTO SARACENO

Psichiatra; Segretario Generale del Lisbon Institute of Global Mental Health e Global Ambassador di Special Olympics, Italia e Portogallo

Schopper_Herwig_2

HERWIG SCHOPPER

Professore Emerito e Fisico Sperimentale; Già Direttore Generale del CERN – L’Organizzazione europea per la ricerca nucleare; Già Presidente del Consiglio di Amministrazione del Centro internazionale per l’utilizzo della luce di sincrotrone nelle scienze sperimentali nel Medio Oriente SESAME, Giordania

Rolla_Scolari_2

ROLLA SCOLARI

Giornalista, Italia

Yves_Ubelmann_2.jpg

YVES UBELMANN

Presidente e co-fondatore, Iconem, Francia

Magariaf_Tarik_2

TARIK M. YOUSEF

Direttore, Brookings Doha Center, Qatar; Membro del Consiglio di Amministrazione, Banca centrale della Libia BCL, Libia

Pio Wennubst

PIO WENNUBST

Vicedirettore Generale, Capo del Settore Cooperazione globale, Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE), Svizzera

Quali radici s’abbarbicano, quali rami crescono
Su queste macerie?

T. S Eliot, La terra desolata, 1922

La mostra

La mostra Città in frammenti. Viaggio virtuale dalla Siria all’Iraq ha proposto un viaggio immaginifico verso quattro città ridotte in frammenti dai conflitti che le hanno devastate e trasformate negli ultimi anni in teatri di conflitti. Immagini di Damasco, Aleppo, Palmira e Mosul ci dicono di questa devastazione, frammentariamente. Il paesaggio delle rovine, come scrive Marc Augé, “non riproduce integralmente alcun passato e allude intellettualmente a una molteplicità di passati, in qualche modo doppiamente metonimico, offre allo sguardo e alla coscienza la duplice prova di una funzionalità perduta e di un’attualità massiccia” (Marc Augé, Rovine e macerie, 2004).

Versi de La terra desolata di T.S Eliot (1922) e de L’ode sospesa di Imru’ al-Qais (VI secolo), hanno invitato a un momento di silenziosa staticità e di meditazione, fuori del tempo. Il percorso espositivo si è articolato in tre tappe:

Prima tappa

Nella prima tappa, le fotografie della start-up francese Iconem, intervallate da citazioni letterarie, hanno proposto visioni insolite delle città e hanno invitato a porsi interrogativi sulle macerie, le rovine e sul senso del tempo. È nello sguardo del visitatore che i frammenti assumeranno vita e significato. Le fotografie hanno mostrato cumuli di rovine e macerie: macerie presenti di rovine del passato.

Seconda tappa

Nella seconda tappa, il documentario Mosul anno zero di Roberto Antonini e Philippe Blanc è stata una testimonianza di cosa resta di Mosul, dopo tre anni di Califfato dell’Isis e un anno di battaglia. Alle immagini si sono sovrapposti le voci dei testimoni che hanno raccontato della distruzione e della perdita. Oltre al documentario, alcune fotografie hanno raffigurato in fermo immagine paesaggi in rovina di Mosul, ma anche di Damasco, Aleppo e Palmira.

Terza tappa

Al centro della terza tappa, una camera immersiva realizzata da e-REAL Logosnet dove il visitatore poteva assistere alla proiezione di video realizzati da Iconem e dall’Unesco. L’esperienza totalizzante ha investito con le immagini di grande impatto non solo lo sguardo del visitatore che si trovava sospeso in una dimensione fra passato e presente, qui e là, distruzione e ricostruzione.

In primo piano

Streaming del Forum 2019

Giorno 2 – 25 agosto 2019

Giorno 1 – 24 agosto 2019

Social Feed

2019 OSCE Mediterranean Conference, 24-25 October 2019. Side event - ...
The inauguration of the new #academic year introduced at USI ...
Uscire dal caos: ne parlano il prof. Gilles Kepel e la Dr. Federica Frediani
È uscito il 29 agosto 2019 “Uscire dal caos”, l’ultimo ...
"Uscire dal caos" - l'ultimo libro del prof. Gilles Kepel
“Uscire dal caos” - l’ultimo libro del prof. Gilles Kepel ...

Mostra più Post

Rassegna media

Cliccare qui per visualizzare tutte le notizie sul MEM Summer Summit 2019, trasmesse da RSI (Radiotelevisione svizzera di lingua italiana):

https://www.rsi.ch/news/dossier/mem/

Di seguito, una selezione della copertura mediatica del MEM Summer Summit e di temi correlati:

Iscrizioni al Forum

L’iscrizione è gratuita, ma obbligatoria.

L’iscrizione consente di:

•Partecipare alle sessioni in programma
• Visitare la mostra To visit the exhibition Città in frammenti. Un viaggio virtuale dalla Siria all’Iraq
Avere occasione di networking nelle pause caffè

È consigliato iscriversi on-line entro martedì 20 agosto 2019. Dopo il 20 agosto sarà ancora possibile registrarsi direttamente al Palazzo dei Congressi.

Lingue

Inglese, francese, italiano con interpretazione simultanea.

Ospitalità

È offerta la possibilità di pranzare sul posto, scegliendo tra uno standing lunch al Palazzo dei Congressi o un pranzo gourmet presso il Ristorante Ciani del Palazzo dei Congressi.

È meglio discutere una questione senza risolverla che risolvere una questione senza discuterla.

Luogo

Palazzo dei Congressi

Il MEM Summer Summit Forum 2020 si svolgerà presso il Palazzo dei Congressi. Il centro congressuale è situato in posizione centrale, proprio accanto al Parco Ciani e alla sua villa, nello splendido parco comunale direttamente sulle sponde del lago di Lugano.

Informazioni pratiche

In treno: Lugano è una delle principali fermate sull’asse principale europeo nord-sud e può essere raggiunta da molte città europee con collegamenti ferroviari diretti diurni o notturni. Verifica qui i treni e gli orari di partenza aggiornati da/per Lugano.

In aereo: è il modo più rapido per raggiungere Lugano dall’estero. Qui di seguito la lista degli aeroporti vicini:

  • Da Milano Malpensa: diversi operatori garantiscono frequenti collegamenti autobus diretti per Lugano (tempi di percorrenza 1 ora). I principali operatori che operano dal Terminal 1 e dal Terminal 2 dell’aeroporto di Milano Malpensa sono: GiosyTours, LuganoServizi, e JetBus.
  • L’aeroporto di Lugano è servito da Swiss International Air Lines. Dall’aeroporto, è possibile prendere un bus navetta per il centro città o utilizzare un servizio di taxi.
  • Aeroporto di Zurigo: in alternativa è possibile considerare un volo per Zurigo e poi un collegamento ferroviario per Lugano (circa 2 ore di viaggio). I treni diretti dalla stazione centrale di Zurigo a Lugano sono numerosi. Questa è un’occasione per sperimentare il tunnel ferroviario più lungo d’Europa che attraversa il San Gottardo.

Per entrare in Svizzera i cittadini dell’UE/AELS necessitano di una carta d’identità o di un passaporto valido. Si raccomanda ai cittadini di altri Stati di verificare i requisiti in materia di visti presso l’ambasciata o il consolato del proprio paese.

Promemoria entrata nello spazio Schengen e procedura del visto.

La sua bellezza naturale, la diversità dei suoi paesaggi, il clima mediterraneo, la sua ricchezza culturale e l’offerta variegata di attività ricreative fanno di Lugano e di tutto il Ticino una delle mete più popolari della Svizzera.

Per ulteriori informazioni: https://www.luganoregion.com/it

Contatti

Per informazioni generali sul MEM Summer Summit, si prega di contattare:

MEM@usi.ch

tel +41 (0)58 666 4950

Politiche

Di seguito sono riportati il Codice di condotta MEM e le Politiche sui dati personali:

Code of Conduct

Personal Data Policies