Università della Svizzera italiana

bollino-usi

Iniziative

Panoramica

Le attività del MEM Summer Summit vanno oltre il Forum e il Seminario. Quest’anno il MEM prosegue presentando nuove iniziative agli young change-makers e al pubblico.

MEM Summer Summit  all’Expo 2020 Dubai
Workshop e discussione pubblica: Re-thinking food systems. Visions of a new society through the lens of food.

Organizzato dalla Missione Svizzera a Roma e l’Università della Svizzera Italiana (MEM Summer Summit)

L’accesso a cibi sani e nutrienti è un diritto, non un privilegio. Tuttavia, i sistemi alimentari stanno diventando sempre più complessi e l’insicurezza alimentare e la scarsità d’acqua nella regione MENA sono due delle questioni chiave del 21° secolo. Come possiamo ripensare le nostre abitudini alimentari, dare forma alle narrazioni e utilizzare il cibo come potente strumento di coesione e inclusività?

Il Workshop

Il workshop ha riunito giovani di diverse regioni per discutere il futuro dei sistemi alimentari, con un focus particolare sulla regione MENA. Il workshop è stato ispirato dal Manifesto di Bites of Transfoodmation (BoT) e dalla metodologia e dai valori del MEM Summer Summit.

La Discussione Pubblica

Relatori di alto livello del mondo accademico, imprenditoriale e diplomatico hanno discusso e scambiato le loro opinioni con i giovani sulla trasformazione e il futuro dei sistemi alimentari. L’elenco dei relatori includeva Boas Erez, rettore dell’Università della Svizzera italiana, Federica Frediani, project leader del MEM Summer Summit, e MEM Alumni, che fanno parte anche della comunità BoT.

Guarda la discussione pubblica qui sotto.

Bites of Transfoodmation

Il MEM Summer Summit trasferisce al progetto Bites of Transfoodmation applicando la sua metodologia. La Missione Permanente della Svizzera presso le organizzazioni delle Nazioni Unite a Roma; in collaborazione con l’Ambasciata Svizzera di Roma, l’Istituto Svizzero, Présence Suisse e l’Università della Svizzera Italiana presentano il progetto Bites of Transfoodmation. Un progetto che unisce menti giovani e motivate per favorire il cambiamento del sistema alimentare globale.

Cultural Narratives – New Horizons

Il progetto New Horizons è nato dallo Stream C del Seminario che si concentra sulle narrazioni culturali. Comprende workshop online e on-site, in cui un team di MEM Summer Summit Alumni, guidato da Federica Frediani, si riunisce per discutere e lavorare insieme su argomenti come:
  • La mobilità di persone, idee, culture e merci che trascendono le barriere dello spazio e del tempo erano/sono segni distintivi della contemporaneità;
  • Digitalizzazione;
  • Il ruolo della cultura e della creatività nel processo di ricostruzione economica e sociale dopo il Coronavirus.
Rachid Koraïchi 
Jardin d'Afrique
Rachid Koraïchi 
Jardin d'Afrique
Nour Nasreldin
Muted City
Precedente
Successivo

Ahmed Mater, nel libro Prognosis, propone un’analisi dell’Arabia Saudita e del Medio Oriente in cui autobiografia e storia della regione si sovrappongono in un momento di grande incertezza e transizione. Mappando sua la vita e il suo lavoro artistico in prospettiva storica, il libro offre un’inedita visione dei cambiamenti in corso in Arabia Saudita a livello religioso, culturale e geopolitico.

Rachid Koraïchi, con il suo progetto Jardin d’Afrique, intende creare uno spazio sacro per mantenere viva la memoria dei migranti affogati nel Mediterraneo. I cadaveri, senza nome, trovano sepoltura in questo luogo, in Tunisia, che ambisce a essere un giardino dell’Eden per gli “ultimi”. Un progetto artistico e politico che invita a un ripensamento delle relazioni fra Africa, Mediterraneo ed Europa.

Nour Nasreldin ha ideato e diretto un cortometraggio sulla sua esperienza di lockdown al Cairo, sull’inedito silenzio in una città così rumorosa e sul ruolo delle nuove generazioni per  immaginare e promuovere il cambiamento.

Nelle precedenti edizioni sono state organizzate delle proiezioni di film in collaborazione del Locarno Film Festival. La mostra Città in frammenti. Viaggio virtuale dalla Siria all’Iraq – che proponeva un viaggio immaginifico verso quattro città ridotte in frammenti dai conflitti che le hanno devastate e trasformate negli ultimi anni in teatri di conflitti – è stata allestita in collaborazione con e-REAL Logosnet and Iconem. Un istallazione multimediale dell’artista egiziano Moataz Nasr e la mostra fotografica Journeys through our Fragile Heritage, diversi concerti e una conferenza sulla cucina del Medio-Oriente, del Mediterraneo e del Nord Africa sono state l’offerta culturale del MEM Summer Summit 2018.

Torna su